Giochi animazione movimento, acchiapparelle, staffette, calmi per 6-7 anni

Giochi di animazione per bambini. Molti tipi di gioco per feste e ludoteca. Giochi di movimento e staffette. Giochi calmi.


Blocco di ghiaccio

Tipo di gioco: acchiapparella

Materiale: un palloncino lungo bianco o celeste
Giocatori: 5+
Spazio : chiuso ( vuoto tipo palestra ) o aperto ma delimitato
Spieghiamo ai bambini che al via, entro lo spazio indicato devono scappare altrimenti la regina o il re del ghiaccio li blocca con la bacchetta ghiacciata trasformandoli in blocchi di ghiaccio. Chi viene bloccato deve rimanere immobile e può essere liberato dagli altri con un tocco sulla spalla e scappare nuovamente. 

Golf a staffetta

Tipo di gioco: staffetta

Materiale: palloncini lunghi ( non quelli sottili da sagomare ed almeno 6), palloncini tondi ( almeno 6 ) nastro bianco rosso o qualcosa per delimitare partenza, 2 cerchi.

Giocatori: 4+

Spazio: chiuso

 

Gonfiamo prima i palloncini,  anche se ne serviranno due e due, vi consiglio sempre di tenerne  qualcuno pronto nel caso scoppiassero, mettiamoli da parte.

Formiamo due squadre e facciamole allineare  parallele ciascuna in fila indiana, dietro un confine di partenza. Mettiamo un cerchio davanti  e rispettivamente ciascuna squadra, per ciascuna sarà la linea di arrivo.

Ogni concorrente della prima fila ha un palloncino lungo  ( la mazza da golf) ed un tondo ( la palla).

Al via dobbiamo far andare avanti il palloncino tondo grazie al palloncino lungo come un movimento da golf, ed arriviamo fino al cerchio ( la buca), prendiamo entrambi i palloncini in mano e torniamo  a consegnare tutto al prossimo concorrente, che fa la stessa cosa.

Vince la squadra che termina prima.

Ricordiamoci sempre che, in caso di una squadra con un partecipante in più. un giocatore dell'altra squadra fa due volte il percorso.


Mira al centro

Tipo di gioco: attesa, calmo
Materiale: palline ( tipo quelle morbide da giocoleria ) o possiamo fare noi delle palline con della carta riciclata, chiusa con del nastro adesivo, un cestino o cesto.

Giocatori: 4+

Spazio: chiuso o aperto

 

Ci disponiamo in cerchio ed al centro mettiamo il cestino. Ogni bambino ha una o due o tre palline ( dipende da quanti siamo ). Inizia il primo e tira la pallina cercando di centrare il cestino, e via via facciamo il giro. Diamo un punto per la prova ed il punto in più se si fa centro. Se mettiamo un doppio cesto ( per esempio uno largo e basso ed uno più alto e stretto possiamo valutare di dare un ulteriore punto ).Ogni bambino tiene il conteggio dei propri punti se non possiamo scriverli. Possiamo fare diversi giri e via via inserire i bambini della festa che arrivano. Vince chi fa più punti. Gli altri tutti al secondo posto. Questo gioco si può fare fino ai 10 anni.


Scoppia il palloncino

Tipo di gioco: movimento, attesa

Materiale: un nastro lungo, palloncini piccoli

Giocatori: più di uno  massimo quattro

Spazio: chiuso

 

Questo è un gioco di movimento, ma principalmente di attesa.

Un gioco di attesa è un gioco che si fa mentre si aspetta che arrivino gli invitati ad una festa.

Gonfiamo qualche palloncino, di quelli piccoli e teniamoli da parte.

Prendiamo un pezzo di nastro lungo circa un metro e mezzo e alla estremità leghiamo un palloncino piccolo.

Dobbiamo tenere il nastro con una mano e far poggiare l'estremità con il palloncino in terra.

Con questo dobbiamo scappare facendo sempre in modo che il palloncino tocchi terra, ed i giocatori dovranno cercare di scoppiarlo con il piede.

Naturalmente dobbiamo muoverlo mentre cercheremo di non farlo scoppiare.

Prende un punto chi lo scoppia.

Ricominciamo con un altro palloncino.

Possiamo farlo diverse volte.

Non facciamo questo gioco con più di quattro giocatori.

Assicuriamoci sempre che nessun bambino abbia paura dello scoppio del palloncino, in quel caso naturalmente non facciamo questo gioco.


L'investigatore

Tipo di gioco: cerchio, seduti

Materiale: una pallina di carta piccola

Giocatori: 4+

Spazio: chiuso

 

Ci sediamo in cerchio, tranne due : uno tiene la pallina che dovrà donare ad un altro, l'altro ( l'investigatore) deve scoprire a chi è stata consegnata.

La pallina di carta, si deve poter nascondere bene tra le mani.

Teniamo la pallina tra le mani giunte, mentre le passiamo all'interno delle mani di tutti gli altri bambini ( che saranno giunte anch'esse), senza lasciarne nessuno, nel frattempo avremo lasciato la pallina nelle mani di qualcun altro, ma nessuno deve accorgersene, quindi chi riceve il dono sarà attento a non farsi notare.

Terminato tutto il giro, mostriamo le  mani vuote, adesso tocca a chi indovina, dopo aver osservato attentamente le fasi durante il passaggio inizia ad interpretare gli sguardi dei bambini per indovinare chi la possiede.

Naturalmente nessun bambino disgiunge le mani fin quando viene scoperta la pallina.

Possiamo scegliere se dare una o due possibilità a chi deve indovinare.

Se indoviniamo, diventiamo colui che passa la pallina, altrimenti rientriamo nel cerchio.

Scegliamo quindi chi indovina dopo.


Il pallone a motore

Tipo di gioco: staffetta

Materiale: due palloni leggeri, nastro bianco rosso ( o quello che avete e pensate vada bene)

Giocatori: 6+

Spazio: aperto o chiuso

 

Prepariamo, con il nastro poggiato in terra una linea di partenza ed una linea di arrivo.

Dividiamo i giocatori in due squadre e li disponiamo in fila indiana, le due squadre sono parallele disposte ad almeno un metro di distanza l'una dall'altra e dietro la linea di partenza.

Il primo giocatore di ciascuna squadra ha in mano una palla, che comincia a far rimbalzare ( come fosse un motore alla linea di partenza) e deve arrivare alla linea di arrivo sempre facendo rimbalzare la palla. Arrivato al traguardo si può decidere se far tornare indietro sempre palleggiando oppure correndo con la palla in mano.

La palla poi viene passata al secondo giocatore in fila e così via, fin quando i giocatori fanno tutti la loro corsa  a motore.

Vince la squadra che finisce prima, naturalmente.

Possiamo fare un secondo giro mettendo degli ostacoli tipo coni in terra e far fare un percorso a slalom. Possiamo far fare questo gioco anche con ragazzi di età più grande.

Vi consiglio, se ci sono tanti concorrenti, di far correre  il ritorno con la palla in mano,

La lunghezza del percorso non deve essere eccessiva.

Se naturalmente i giocatori sono in numero dispari, ci sarà  un giocatore dell'altra squadra che farà due volte il giro, e questo vale per tutti i giochi a staffetta a squadre.


Palla a destra o a sinistra?

Tipo di gioco: cerchio, calmo, attesa

Materiale: una pallina piccola delle dimensioni di quella da tennis, ma morbida 

Giocatori: 2+

Spazio: chiuso o aperto

 

Siamo al centro con la palletta in mano, facciamo delle "finte" per creare maggiormente attenzione, poi diciamo il nome o ci fermiamo davanti al giocatore e diciamo "destra" o "sinistra". Il giocatore deve essere abile e prendere la palletta con la mano indicata.


Riempiamo le dispense

Tipo di gioco: staffetta

Materiale: 4 cerchi o materiale per delimitare 4 zone ( anche del nastro va bene), oggetti vari leggeri (le pentoline giocattolo e la frutta  e la verdura finta sono perfetti), devono comunque essere dello stesso numero. Prepariamo  le 2 dispense ai due lati esterni dove sono le squadre in fila indiana e altre 2 zone vuote nella parte opposta ( ogni dispensa di fronte ad un altra, 2 per squadra, 2 alla partenza , 2 all'arrivo).

Giocatori: 4+

Spazio: chiuso o aperto.

 

 Possiamo raccontare una storia prima di far fare questa staffetta, per motivare lo spostamento della dispensa, storia nella quale si identifichino nel ruolo. Potrebbe essere la storia di personaggi che hanno due dispense  di due ristoranti in due zone diverse della campagna ( per esempio) e che in base alle persone che vengono nel loro ristorante spostano i viveri da una parte all'altra, oppure la storia di alcuni animali del bosco che per difendere il loro cibo da insetti dispettosi lo spostano da una parte all'altra per confonderli... usiamo la fantasia e creiamo la storia in base all'età, ma comunque non è indispensabile.

 Pronte le squadre, al via uno per volta prende un oggetto e lo trasferisce all'altra dispensa, torna, parte un altro e così via. Vince la squadra che sposta prima tutti gli oggetti da una dispensa all'altra.

Possiamo ripetere la staffetta facendo fare la stessa cosa al contrario, riportando gli oggetti al loro posto. 

Se non abbiamo le pentoline ed i vegetali, ma, per esempio, le mollette da bucato, inventiamo una storia che la colleghi alle mollette; usiamo sempre oggetti leggeri e non appuntiti.


Il pallone magico

Tipo di gioco: cerchio, attesa, conoscenza, calmo

Materiale: una palla leggera

Giocatori: 4+

Spazio: chiuso o aperto

 

Ci disponiamo tutti in cerchio, distanziati. Ognuno dice il suo nome. Lanciamo la palla per primo ad un giocatore e lo nominiamo, se il giocatore in questione prende la palla, la rilancia, se la fa cadere, si blocca. Continuiamo fin quando tutti, tranne uno, sono bloccati, allora, quest'ultimo comincia lanciando la palla a sbloccare chi la prende.

E' possibile eseguire una variante, se vediamo che tutti prendono la palla e nessuno si blocca, possiamo scegliere di far prendere la palla con una mano.


L'orchestra

Tipo di gioco: cerchio, seduti

Materiale occorrente: sedie o anche nulla.

Giocatori: 4+

Spazio: chiuso

 

Ci disponiamo tutti in cerchio seduti su sedie, altrimenti anche in terra se il pavimento lo permette o al limite in piedi.

Un bambino esce dal cerchio e si posiziona in un posto dove non può vedere gli altri.

Gli altri nel frattempo scelgono chi fa il direttore dell'orchestra.

Chi lo fa deve dirigere l'intero gruppo facendo vari movimenti che cambia ogni tanto

( battere le mani tra loro, batterle sulla gamba, battere un piede in terra e così via), deve improvvisare, consiglio di far vedere qualche esempio ai bambini, prima.

Gli altri devono imitare il direttore cercando di non far capire chi sia.

Si inizia con l'orchestra e si chiama chi deve indovinare ( non facciamo iniziare l'orchestra quando chi deve indovinare è già lì, altrimenti si capisce  subito)

Guardando attentamente gli orchestrali, abbiamo due o tre possibilità ( secondo anche il numero di partecipanti ) di indovinare chi è il direttore, se indoviniamo, chi è il direttore cambia ruolo e se non indoviniamo invece di far riuscire lo stesso giocatore, facciamo scegliere a lui chi è il prossimo ad indovinare, in maniera che tutti siano coinvolti. Facciamo in modo che tutti interpretino il direttore.

Può capitare, comunque, che qualcuno non lo voglia fare ( il direttore), non forziamo, va bene anche se fa solo il ruolo che indovina o anche semplicemente un orchestrale.


Le tane dei pesci

Tipo di gioco: movimento

Materiale: cerchi o dischi di cartone o gli elementi di puzzle gommato ( quelli che i bambini incastrano come puzzle e sono grandi, con numeri, lettere o figure )

Giocatori: 5+

Spazio: chiuso o aperto

 

Prima di iniziare il gioco mettiamo sparse  le tane dei pesci ( i dischi di cartone, i cerchi  o i pezzi di puzzle gommato che devono essere dello stesso numero dei pesciolini). Spieghiamo ai bambini che nelle tane  si possono rifugiare e che tutt'intorno è il mare dove nuotano. Inventiamo una storia per esempio di uno squalo dispettoso e magico che acchiappa i pesciolini e li trasforma in squali ma è molto lento e imbranato...quando si inizia i bambini escono dalle tane e nuotano, ad un certo punto l'animatore dice " arriva lo squalo..." ed ognuno cerca rifugio in una tana ( spieghiamo prima che ogni pesce può andare in una qualsiasi tana), chi viene preso si trasforma in squalo e deve poi prendere a sua volta i pesci. ogni volta possiamo far far imitare  ai bambini un pesciolino diverso mentre nuotano ( es. polipo, cozza, sogliola, pesce spada...)  Naturalmente ogni volta che un pesciolino viene trasformato dobbiamo togliere una tana. Vince l'ultimo o gli ultimi due pesciolini rimasti.

 

Gatto e topo

Tipo di gioco: cerchio, movimento

Materiale: nessuno

Giocatori : 5+

Spazio: aperto ( delimitato) o spazio chiuso spazioso

 

Giochiamo almeno in cinque. Formiamo un cerchio dandoci le mani. A turno scegliamo chi fa il gatto e chi fa il topo. Il gatto esce fuori dal cerchio, il topo sta all'interno.

Spieghiamo che c'è un topo dispettoso che passa sempre nel giardino del gatto per entrare nella sua tana ( invece di passare per un'altra entrata) e che il gatto cerca di prenderlo, ma.. solo per giocare insieme.

Facciamo fare prima un breve dialogo al gatto ed al topo:

( questo è un esempio ideato da me )

Gatto: - " Topolino, Topolino cosa fai nel mio giardino? " -

Topo: - " Mangio pane e formaggino " -

Gatto: - " E se io ti acchiappo? " -

Topo: - " Io scappo " -

 

A questo punto il topolino inizia a scappare con la regola ( che spiegate prima) che può girare intorno alla tana e quando è stanco può ritirarsi all'interno. Diciamo anche ai bambini che formano il cerchio che devono aiutare il topolino alzando le braccia per aprire un varco della tana ed abbassandolo prima che dallo stesso possa riuscire a passare anche il gatto. Una volta richiusa la tana il gatto non può entrare. E' importante, durante l'inseguimento del gatto e del topo, che tutti i bambini che formano la tana aiutino il topolino ripetendo la parola " topolino.. topolino.."; così che tra l'aiuto vocale e la partecipazione attenta nell'aprire il varco tutti siano attivi nel gioco, non solo il gatto ed il topo.

Poniamo dei limiti, per esempio se entro due o tre volte che il topolino si rifugia nella tana, il gatto non lo prende, cambiamo concorrenti, se i bambini sono tanti facciamo due volte massimo, dobbiamo cercare di far giocare tutti, se non sono tanti diamo la possibilità a chi ha fatto il topo di fare il gatto e viceversa, se non ne hanno voglia lasciamo perdere, capita infatti chi vuole fare solo il gatto o solo il topo.


Gira intorno

Tipo di gioco: cerchio, seduti

Materiale: una palla leggera

Giocatori: 6+

Spazio: chiuso o aperto

 

Facciamo mettere seduti in cerchio tutti i bambini, parte il primo con la palla in mano che fa tutto il giro del cerchio e torna al suo posto, passa la palla al vicino che si alza, fa il giro e così via. Nel frattempo gli altri contano i secondi impiegati. Vincono i migliori tempi o ognuno cerca di migliorare il proprio tempo al secondo o terzo giro.

Il numero di giri dipende da quanti bambini sono, se sono pochi anche tre giri a testa, se sono tanti ne facciamo uno.


Attacca le foglie all'albero

Tipo di gioco: staffetta

Materiale tante mollette ( quelle del bucato), 4 delimitazioni

Giocatori: 6+

Spazio:  chiuso o aperto.

 

Dividiamo i bambini in due squadre e disponiamoci in file indiane e parallele. Mettiamo una delimitazione di partenza per entrambe le squadre. Scegliamo  chi fa l'albero per ciascuna squadra e mettiamo ognuno di loro dinanzi alla propria squadra ad una distanza delimitata da un segnale. Poniamo in egual numero vicino ad ogni caposquadra un mucchietto di mollette  e spieghiamo che rappresentano le foglie. Al via il primo di ciascuna fila prende una molletta ed va ad attaccarla su una parte di un vestito del giocatore che fa l'albero; specifichiamo  che la molletta va attaccata solo sui vestiti e non addosso o la togliamo. Ad ogni bambino che torna ne parte un altro che prende la molletta, l'attacca e ritorna. Vince chi fa prima, altrimenti, variante che preferisco è quella di mettere un unico mucchio di mollette tra le squadre e quando finiscono le mollette, ci sediamo tutti  davanti ai giocatori " albero" e man mano contiamo togliendole da ciascuno, vince la squadra che ne ha attaccate di più. ( così creiamo  più atmosfera in quanto  fino all'ultimo non conosciamo  il risultato).


Dimmi come ti chiami

Tipo di gioco: cerchio, conoscenza, attesa

Materiale: una palla leggera

Giocatori: 3+

Spazio: chiuso o aperto

 

Questo gioco è adatto nel momento iniziale di una festa o comunque quando i bambini non si conoscono,  serve per imparare i nomi dei partecipanti.

Ci disponiamo in cerchio e ci mettiamo al centro con la palla in mano. Iniziamo dicendo ciascuno il nostro nome. Lanciamo  la palla in aria pronunciando un nome, chi viene chiamato corre al centro a prendere la palla, e si continua così di seguito, fin quando impariamo i nomi.


I trenini

Tipo di gioco: staffetta

Materiale: qualcosa per delineare la partenza e l'arrivo e  6 coni o cerchi

Giocatori: 6+ max 16

Spazio: chiuso

 

Dividiamo i giocatori in due squadre, in fila indiana, una squadra parallela all'altra, dietro una linea di partenza.

Prepariamo un piccolo slalom con i coni, un percorso per squadra, naturalmente,  ed una delimitazione per l'arrivo

Consiglierei sempre, prima di iniziare, di far vedere come effettuare lo slalom o il percorso preparato, questo sempre, per tutti i percorsi o le staffette.

Parte il primo giocatore di ogni squadra, fa il percorso, senza superare l'arrivo e ritorna sempre facendo il percorso, aggancia il secondo concorrente e riparte ( come se fossero vagoni di un trenino che si agganciano via via ), di nuovo tutto il percorso ed un nuovo vagone; fino a quando  finiscono tutti i giocatori che formano quindi un trenino.

Vince il trenino che agganciato l'ultimo vagone varca l'arrivo per primo.

Dobbiamo valutare un certo spazio per lo slalom e tra le due squadre in base al numero di giocatori, se sono tre per squadra va ridimensionato il tutto rispetto ad un numero superiore.

Essendo il gioco molto divertente, dobbiamo fare attenzione che non si esageri con la corsa, se notiamo un'esagerazione lo fermiamo, diamo qualche secondo di penalità alla squadra in questione e ricominciamo.

Possiamo per esempio prepararci una palettina di cartone con un semaforo rosso da una parte e verde dall'altra, dicendo prima di iniziare che il capostazione 

( l'animatore ) se nota  irregolarità alza la paletta con il rosso e dice "Stop" fermando il gioco di entrambe le squadre, per poi ripartire con il verde.

Non facciamo questo gioco se ci sono tanti bambini per squadra.